Il Giardino dei Sempreverdi

Il Giardino dei Sempreverdi è il nome che ho dato al mio sogno per renderlo un pò più concreto. Un sogno che non vuole restare in un cassetto ma diventare realtà, un sogno che riguarda il futuro, il futuro dei miei figli e di altri bambini, un futuro da costruire attivamente e non da lasciar edificare abusivamente da altri.

Il Giardino dei Sempreverdi è un progetto di scuola familiare collettiva, in cui noi genitori uniamo le nostre forze per tutelare il diritto ad apprendere dei nostri figli, un diritto che troppe volte la scuola calpesta, maltratta e sgualcisce fino a renderlo una pallida fotocopia di quell’originario senso della scoperta insito nei nostri bambini. Una scuola che vede il bambino come il destinatario perlopiù passivo di informazioni e nozioni precostituite da immagazzinare e digerire, non come il soggetto attivo di un percorso che si costruisce lui man mano con il nostro supporto.

Sono stata tentata più di una volta di adeguarmi al sistema scolastico vigente, soprattuto sotto l’impulso di un pensiero, quello che se ci sono passata io e ci passano tanti bambini non era poi un dramma. Ma io so per certo che non è il meglio per mio figlio come non lo è stato per me e non lo è per tanti bambini e come madre sono istintivamente portata a cercare il meglio per i miei figli. Quindi eccomi qua. Voglio cercare di costruire un’alternativa valida, che non isoli mio figlio dal contesto sociale ma che non sacrifichi sull’altare del conformismo la sua personalità.

Perchè il Giardino dei Sempreverdi? Beh, Giardino perchè credo che il bambino debba essere considerato metaforicamente non come un vaso da riempire o un foglio bianco su cui scrivere, ma come una pianta, che ha bisogno di acqua, di luce, di concime, insomma delle cure di un giardiniere perchè possa crescere e rinvigorirsi, fino a dare i suoi frutti. Sempreverdi è invece un augurio, una speranza che le nostre piante così curate non appassiscano, ma mantengano i loro colori vivaci.

Se abiti a Roma Nord e pensi di poterti unire a me, contattami e questo sogno diventerà un pò più concreto! Mio figlio ha 3 anni, ma se il tuo ha un’età diversa e sei interessato contattami ugualmente, magari mi ha già contattato qualcuno che ha l’età del tuo e possiamo costituire anche un gruppo per la scuola primaria e non solo per la scuola dell’infanzia.

Forse questo progetto rimarrà un sogno o forse no…ma almeno avrò e avremo la consapevolezza di aver tentato.

Annunci

11 risposte a Il Giardino dei Sempreverdi

  1. …questa me l’ero persa! Hai scritto precisamente quello che io e altre due mie amiche stiamo tentando di creare, una scuola all’altezza di bambino! Noi ci appoggiamo ad un’associazione già esistente e stiamo cercando di creare una classe di materna stile “steineriano” viviamo a roma nord est, più preciasemante mentana, monterotondo e non dovremmo essere lontani da te. Tramite mail potremmo scambiarci più informazioni e al limite possiamo incontrarci.
    Silvia

  2. Grilloperlatesta ha detto:

    Sicuramente ne dobbiamo parlare, anche se sarebbe troppo scomodo per me arrivare fino da voi…forse ci vediamo domani all’incontro sulla pedagogia steineriana. Casomai ti mando una email così ci scambiamo i numeri di telefono.

  3. rita ha detto:

    Ciao, mi chiamo Rita sono arrivata a te dal sito di Controscuola, ho due figlie di 4 e 8 anni abito in Roma Est vicino metropolitana entrambi frequentano la scuola statale e vorrei trovare un gruppo con cui approfondire il discorso dell’homeschooling o che sia comunque diverso dall’educazione statale.
    Speriamo di sentirci.

    • Grilloperlatesta ha detto:

      Ciao Rita, benvenuta 🙂
      se posso esserti utile da un punto di vista di raccolta di informazioni per così dire tecniche o per un confronto son contenta, se poi stai proprio pensando di partecipare all’iniziativa di homeschooling collettivo che sto cercando di avviare ne sarei veramente entusiasta 🙂 tu cosa pensavi, di affiancare un apprendimento diverso a quello scolastico o di sostituirlo in toto?

  4. rita ha detto:

    Ciao,
    pensare di affiancare un apprendimento diverso a quello scolastico è poco attuabile. La grande dopo una giornata trascorsa tra le mura scolastiche è poco disponibile a seguirti eppoi a fine settimana dopo aver fatto i compiti impartiti dalle maestre il gioco è quello che cerca di più. Quindi sarei più propensa a sostituirlo in toto ma senza una base su cui partire mi trovo in difficoltà, in pratica sembrerebbe semplice ma non riesco a stabilire i tempi per organizzare il lavoro con i miei figli. Sarei felice di condividere qualche esperienza.

  5. Rugiada ha detto:

    Ciao a tutte, mi unisco anche io alla conversazione… mi chiamo Rugiada, ho quattro figli, sono maestra del metodo Steiner- waldorf, artista e artigiana, maestra di lavoro manuale…
    Ho abitato a Roma tanto tempo, ora sono in Toscana per un breve periodo che mi vedrà tornare a Roma… dopo tutta questa campagna sarà difficile ri-abituarsi alla città e già che devo scegliere un nuovo luogo mi piacerebbe spostarmi vicino a famiglie interessate a creare un progetto di homeschooling collettivo… i miei figli hanno 10 mesi, 6 anni (ha frequentato la prima classe), 8 anni (ha frequentato la terza classe) e 12 anni (ha frequentato la prima media)…
    La mai mail è ilmondodiru@hotmail.it e il mio sito web http://www.ilmondodiru.it
    Sono arrivata qui tramite il sito controscuola…
    Grazie a presto
    RU

    • Grilloperlatesta ha detto:

      Ciao Rugiada, benvenuta 🙂 complimenti per “il curriculum” professionale e familiare 🙂
      Data l’età dei tuoi figli ci troveremmo in pieno con l’ultimo…Marta ha quasi 10 mesi, invece Giuseppe che ha 3 anni si incastra perfettamente tra i tuoi ultimi due :-/ Comunque com ti scrivevo da queste parti qualcosa si muove ma moooolto mooolto lentamente. Sembra tutto difficile purtroppo, ma teniamoci in contatto 😉

      • fiorella ha detto:

        le mie tre figlie sono troppo grandi, ma sono pronta a roma ( zone Tuscolana, appia, castelli, ciampino, ece. ecc.)a mettere a disposizione la mia esperienza di mamma, insegnante, educatrice montessoriana, psicologa. Scriviamoci a mfiorella.custodi@libero.it. vi aspetto con ansia

  6. mammachegiochi ha detto:

    Io abito troooppo distante, ma ti faccio i miei complimenti e tutti gli auguri perchè questo bellissimo progetto possa decollare.

  7. Daniela ha detto:

    Ciao, sono Daniela e ho una bambina di 9 anni che ha appena iniziato la IV. Da tempo penso a delle alternative alla scuola pubblica, come la scuola steineriana, la montessori, ma le distanze mi hanno fatto desistere. Ora c’è anche un discorso di amicizie già acquisite in classe, ma l’idea di una scuola familiare collettiva mi piace molto e possiamo provare a costruirla insieme. Io mi trovo a Roma sud. A presto|

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...